La via del Cerchio - Yamayo

Vai ai contenuti




LA VIA DEL CERCHIO
Tramandata di generazione in generazione l’antica Via del Cerchio è arrivata sino a noi attraverso la saggezza di Manitonquat Medicine Story, nativo americano della tribù degli Assonet-Wampanoag del Massachusetts e di sua moglie Ellika Linden.
Non si tratta di una religione o di un credo a cui fare voto, ma di uno stile di vita, un modo di vivere la comunità, il sociale.
Trovarsi in Cerchio non è un incontro tradizionale, ma una forma molto speciale che porta con se un’esperienza molto speciale, diversa da tutti gli altri modi che abbiamo di riunirci insieme” Quando ci ritroviamo insieme in un Cerchio ci sentiamo nel posto giusto e in armonia con la nostra natura.
Possiamo ritrovare l’equilibrio dentro di noi, con gli altri e l’intera Creazione, in un clima di profondo rispetto e gratitudine verso la Vita, la Madre Terra e i tutti gli esseri che la popolano. Il Cerchio è la forma più rispettosa di incontro. In quella forma tutti sono accolti in ugual misura. Tutti allo stesso modo ne sono responsabili. Nessuno prevale e nessuno si esclude, tutti sono importanti. Il Cerchio rende intenso, profondo e prezioso l'incontro. Ritroviamo la dimensione umana e la nostra fondamentale unità.
Quando siamo in un Cerchio è come tornare a casa e quando cominciamo a farne esperienza, a relazionarci in Cerchio, condividendo i pensieri, le emozioni, i sogni, le decisioni, il lavoro, il gioco e la creatività, ci rendiamo conto che rende la nostra vita, più ricca, appagante, piena.

Impareremo a guarire le nostre ferite e a migliorare le relazioni con gli altri, apprenderemo l'uso del talking stick (bastone della parola)
Si creerà l’empatia del gruppo con la  possibilità di andare nella profondità dei sentimenti di  ognuno di noi, curando antiche ferite e riscoprendo la gioia e la leggerezza del cerchio.

la pratica del Supportive Listening (co-ascolto).
Una modalità di ascolto attivo  e reciproco.Un modo per essere presenti e consapevoli dando e ricevendo attenzione. Durante questo spazio si creeranno condizioni di estrema fiducia e rispetto che stimolano la condivisione. Con la pratica l'ascolto diventa sempre più attivo, partecipe e consapevole.
Possiamo ritrovare l’equilibrio dentro di noi, con gli altri e l’intera Creazione, in un clima di profondo rispetto e gratitudine verso la Vita, la Madre Terra e i tutti gli esseri che la popolano. Il Cerchio è la forma più rispettosa di incontro. In quella forma tutti sono accolti in ugual misura. Tutti allo stesso modo ne sono responsabili. Nessuno prevale e nessuno si esclude, tutti sono importanti. Il Cerchio rende intenso, profondo e prezioso l'incontro. Ritroviamo la dimensione umana e la nostra fondamentale unità.
Quando siamo in un Cerchio è come tornare a casa e quando cominciamo a farne esperienza, a relazionarci in Cerchio, condividendo i pensieri, le emozioni, i sogni, le decisioni, il lavoro, il gioco e la creatività, ci rendiamo conto che rende la nostra vita, più ricca, appagante, piena.

Il significato del Cerchio, è l'Amore.
                                   "Manitonquat"

Con la Via del Cerchio possiamo evolverci verso modelli di società più consoni a noi esseri umani, affrontando le sfide che ci si presentano, attraversando il dolore, sentendoci sempre parte, sostenuti e accettati. È tempo quindi di abbandonare il modello di crescita senza limiti, basato sull’apparenza e sull’avere, per incontrarci nell’essere. Il Cerchio ci aiuta concentrarci sui bisogni umani e sui danni ambientali che abbiamo provocato al luogo che ci ospita, Madre Terra, per ritornare alle “Istruzioni Originali“.
MANITONQUAT MEDICINE STORY

Manitonquat era uno Story Teller della tribù dei Wampanoag. Dopo aver lasciato una brillante carriera di direttore e regista teatrale, ha viaggiato per anni in tutto il Nord America per ascoltare quegli anziani che avevano vissuto secondo gli Insegnamenti Originali. Ha cominciato così a condividere con migliaia di persone in tutto il mondo la Via del Cerchio, un modo di vivere che porta gioia e serenità nei nostri cuori e nelle nostre relazioni. Ha preso parte al Movimento di Unità Spirituale degli Indiani Nordamericani ed è stato co-fondatore del consiglio di guarigione tribale. Ha creato e vissuto in una comunità nel New Hampshire ed è stato tra i fondatori del movimento Rainbow. Ha condotto programmi di sostegno per Nativi Americani in sei prigioni degli Stati Uniti, è stato insegnante di co-counseling e persona di riferimento per la liberazione dei Nativi della costa orientale. Scrittore e poeta, editore della rivista Talking Stick, è stato autore di diversi libri; in italiano sono stati pubblicati: Ritorno alla Creazione (Urra), La Via del Cerchio (La Meridiana), Cambiare il Mondo (Spirito Libero), Gli Antichi Insegnamenti dei Nativi Americani (Terra Nuova).
Ellika Linden

Ha vissuto con Manitonquat 25 anni, condividendo la sua visione e il suo impegno sociale. Attrice e regista di teatro, è insegnante di co-counseling, conduce seminari sulla spiritualità femminile ed ha affiancato Manitonquat nei seminari sulla Via del Cerchio e nel programma di sostegno dei Nativi Americani.
In un cerchio non c’è “più basso” o “più alto”, non c’è un ordine gerarchico per quanto concerne il potere o la proprietà; tutti sono uguali, vengono rispettati e trattati nello stesso modo. Quando siamo in un cerchio è come essere a casa, e quando cominciamo a sentire il cerchio, a comunicare l’un l’altro, a condividere le decisioni, i sentimenti, i sogni, i pensieri, a condividere il lavoro, il gioco e la creatività insieme, scopriamo che questo ci dà molta più soddisfazione ed energia
“È chiaro che la via per guarire la società dalla sua violenza e dalla mancanza di amore è quella di sostituire la piramide di dominio con il cerchio dell’eguaglianza e del rispetto”.
Manitonquat, Medicine Story
(parole pronunciate nel 1998, alle Nazioni Unite durante il 50° anniversario della morte di Gandhi)
Torna ai contenuti